In inverno con l'abbassarsi delle temperature la pelle appare molto spesso secca e rovinata perché con il freddo la cute produce molti meno lipidi (grassi) e ciò causa disidratazione, secchezza e arrossamenti, deteriorando la barriera cutanea. Per mantenere la pelle ben idratata e limitare i disagi di questa stagione è necessario detergere il viso mattina e sera con un gel detergente delicato, con un latte detergente o con una mousse. Per il corpo e le mani utilizzare una crema doccia o saponi in crema. Dopo la detersione si potrà utilizzare una buona crema nutriente che sia più grassa rispetto ai prodotti utilizzati in altri periodi dell'anno. Anche per il corpo e le mani va usata una crema idratante ed emolliente e nel caso delle mani anche protettiva. Infine le labbra, che seccano con estrema facilità, vanno sempre protette con uno stick labbra, che non contenga siliconi, più volte al giorno.
FREDDO , PELLE E ALIMENTAZIONE
Anche con l'alimentazione possiamo combattere la pelle secca in inverno. Scegliamo alimenti che rinforzano le difese immunitarie, che vanno a ricostituire la barriera cutanea e aiutano il sistema vascolare. Il calo delle temperature fanno aumentare la produzione di radicali liberi e dunque è importante consumare cibi ricchi di vitamina C come arance, mandarini, kiwi, melograni. Per rinforzare e proteggere la cute possiamo usare i cereali integrali, burro crudo ( ne basta un poco sul pane integrale a colazione), verdure a foglia verde ricchi di selenio e vitamina E. Con un clima freddo si ha un rallentamento del metabolismo cutaneo e una conseguente riduzione di produzione di sebo e in questo caso è bene introdurre nell'alimentazione olio d'oliva, olio di girasole o di lino, pesce e frutta secca (mandorle, noci, nocciole) alimenti ricchi di acido linoleico e acidi grassi polinsaturi.
infine gli ortaggi di stagione come le carote, verze, cavolfiori e broccoli, ricchi di vitamina A, hanno attività antiossidante e antinfiammatoria. Durante il periodo invernale assicurarsi che questi alimenti siano sempre presenti nella nostra alimentazione.

Condividi questo post

Commenti (0)

Nessun commento